Conchiglie #8 – American songwriters

Ci sono volte in cui basta davvero poco per restare inchiodati alla sedia. Non servono orchestre né amplificatori potentissimi. Non servono riflettori né effetti speciali. Bastano poche cose: un palco, qualche chitarra, il giusto accompagnamento e una voce che venga dritta da un’altra dimensione, per dar vita all’incanto.


Dave Matthews è nato a Johannesburg, in Sud Africa, ma è cresciuto nello stato di New York. È conosciuto prevalentemente per essere il leader della Dave Matthews Band, per la sua chitarra ritmica, per la sua voce stridente e ammaliante, per i suoi testi brillanti e sagaci. Ma forse, più di ogni altra cosa, è conosciuto per i suoi duetti con il chitarrista Tim Reynolds. Ascoltandolo, non è difficile capire il perché.

 

 


Tom Joad è il protagonista di Furore, capolavoro di John Steinbeck. Uno di tanti contadini che, negli anni Trenta, abbandonarono l’entroterra americano per cercare fortuna a Ovest, in California. Nel 1995 Bruce Springsteen – la voce dei diseredati, degli ultimi, dei disperati d’America – ne ha tratto un singolo e un album: The Ghost of Tom Joad. Del brano esiste anche un’esplosiva versione elettrica con Tom Morello, ma noi qui ci accontentiamo del Boss e della sua classe impareggiabile.

 

 


Free Falling è forse il pezzo più conosciuto di Tom Petty, il cantante dell’American dream che è scomparso meno di un mese fa, con i suoi cappelli da cowboy, i suoi gilet, il suo splendido repertorio. E che ha lasciato un vuoto terribile nel mondo della musica.
Free falling è stata interpretata in varie occasioni  dal vivo da John Mayer, in una versione riarrangiata e straordinaria. Non potrebbe esserci modo migliore per dire addio al buon vecchio Tom.

 

 

Zap Threepwood

Pirata girovago e irrequieto, attualmente approdato nei regni d'oltremanica. Poeta acrobatico, scrittore sagace, sognatore incurabile e abile spadaccino, convinto che le ciurme temano più la penna che la sciabola. Appassionato di letteratura angloamericana e di politica, cercherà di convincervi che c'è profonda sintonia tra le due cose. Non di rado i suoi compagni d'equipaggio lo trovano seduto in disparte, in un angolo, intento a bere un buono scotch, ascoltando musica rock o vedendo un film d'annata. In genere è un furfante gentile e galantuomo, ma è meglio non tirare troppo la corda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Voglio maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare la nostra informativa estesa al seguente indirizzo: http://www.tortuca.it/privacy/

Chiudi