Il capodanno del ’59

Vestiti.
Siamo invitati
Alla festa più esclusiva.
Al ristorante Kashmir
Con la crème della città

Stammi vicina per strada
Tira una brutta aria:
Sguardi oscuri tra i corridoi
Mormorii dietro ad ogni angolo.
Ma non devi preoccuparti
So come difenderti.

Siamo dentro un acquario colorato
Con tutte le insegne al neon che brillano sott’acqua
Sembra proprio un mondo perfetto

Su questo pensiero l’orchestra attacca,
I bicchieri s’alzano
Le dame accennano qualche passo di danza,
Se vuoi unirti a loro
Ti osserverò dal tavolo
Mentre raccolgo in un unico sguardo
La pista, gli ospiti in maschera,
Ed il mare screziato e profondo oltre la sala.

E una ragazza
Che cena sola,
Al tavolo,
In una sera
Stupenda come questa.

Ecco, la radio gracchia.
Inizia il discorso per il nuovo anno
Sarà bellissimo come questo,
Sarà il nuovo anno del Signore
Mille novecento cinquantanove

 

 

Un altro capodanno, un’altra notte da sola. Io sono fuori, e tu sei bloccato ad Efesto, a lavoro. Immagina la mia sorpresa. Non mi resta che bere un altro drink… Ecco un brindisi a Diane, la più sciocca ragazza di Rapture. Sciocca al punto di innamorarsi di te, sciocca al punto di…
LUNGA VITA AD ATLAS!
MORTE A RYAN!
…che succede? Sanguino! Oh mio Dio, che succede?

 

 

La guerra civile di Rapture distrusse quasi completamente l’utopia della città “oltre il mare”. Il conflitto scoppiò tra il fondatore, Andrew Ryan, e l’intrallazzere Frank Fontaine, e fu alimentato dalla diffusione dell’ADAM, una tossina ricavata da uno speciale tipo di molluschi, i Nudibranchia.

L’ADAM viene sviluppato perché capace di modificare il DNA umano allo scopo di acquisire speciali abilità e poteri, ma sfugge presto al controllo e passa al mercato nero, diffondendosi come una potente -e devastante- droga. La dilagante tossicodipedenza da ADAM, la sua rarità e scarsità, la domanda crescente di sostanza, portano a esperimenti con cavie umane per la produzione di nuova droga tramite l’impianto di molluschi nello stomaco di “ospiti”.

Lotte intestine tra la classe dirigente della città, disordini sociali, le inquietanti “sorelline” addette al recupero dell’ADAM dai cadaveri dei tossicodipendenti morti, e gli spaventosi “Big Daddy” addetti alla loro sicurezza, riducono Rapture in una inquietante, spettrale città fantasma.

 

 

La vigilia del capodanno del 1959, un gruppo di guerriglieri capeggiati dal misterioso Atlas irrompe nel prestigioso ristorante Kashmir, dov’è organizzato il veglione più esclusivo della città. Il ristorante viene semidistrutto e molti dei convitati sono feriti.

L’utopia era alla fine.

Il paese delle meraviglie andava alla guerra.

 

Jet Black

See you back in Ganymede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Voglio maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare la nostra informativa estesa al seguente indirizzo: http://www.tortuca.it/privacy/

Chiudi