3 film di Wes Anderson

Simmetrie, carrellate inconfondibili, colori pastello. In breve: Wes Anderson. In questo caso è forte la voglia di consigliare ogni singola cosa da lui prodotta, ma fra i suoi lavori scegliamo solo tre lungometraggi.


I Tenenbaum
titolo originale: The Royal Tenenbaums
anno: 2001

Sgangherata e grottesca saga familiare, con un sapiente mix di freschezza e causticità. Colonna sonora epocale, che spazia da Nico e The Velvet Underground a Bob Dylan, dai Ramones a Nick Drake. Gwyneth Paltrow, in quest’occasione, è una specie di essere soprannaturale disceso dal cielo.


Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore
titolo originale: Moonrise Kingdom
anno: 2012

Sam Shakusky è uno dei “ragazzini imbranati” migliori che la storia del cinema recente ricordi. E la “fuga d’amore” del titolo italiano, alla fine dei conti, è solo un pretesto per mettere in scena un mondo deliziosamente strambo.


Grand Budapest Hotel
titolo originale: The Grand Budapest Hotel
anno: 2014

Ispirato alle opere di Stefan Zweig, ironico quanto basta, slapstick il giusto e dalla fotografia memorabile. Meritatissimo l’Oscar ad Alexandre Desplat per le musiche. Si segnala l’esilarante scena della sparatoria: altro che stallo alla messicana.

Dr Vero

Avanti, muovi l'alluce...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Voglio maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare la nostra informativa estesa al seguente indirizzo: http://www.tortuca.it/privacy/

Chiudi